Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Marco Cruciani

Marco Cruciani

Pensieri in libertà


Vivere una favola

Pubblicato da Marco Cruciani su 17 Marzo 2015, 09:19am

Vivere una favola

Ogni volta che ne abbiamo l’occasione, ci piace raccontare questa avventura per certi versi incredibile, vissuta esattamente cinque anni fa. Di questi tempi, eravamo nel vivo delle prove, degli aggiustamenti del copione, della scoperta dei personaggi e, forse, anche di noi stessi… Eravamo gli insonni del venerdì, manipolo di “pazzi furiosi” che, il venerdì sera, nei locali della Scuola Elementare Collodi di San Sisto, guidati dalla Maestra Anna Rita Pennacchi e dal grande Domenico Madera, lavoravano insieme alla realizzazione di un indimenticabile spettacolo teatrale. Sono passati già cinque anni, ma quella roba lì, non ce la siamo dimenticata. Ha lasciato in noi, soliti inguaribili romantici, un ricordo dolcissimo, di una stagione, di un quinquennio, che, proprio anche grazie a quel lavoro, ricordiamo oggi con immensa nostalgia. In quei mesi, da gennaio a giugno, diventammo una squadra. Insegnanti, ragazzi, genitori. Una squadra. Condividemmo un percorso, lo portammo in fondo con grande successo. Abbiamo scritto, insieme, una pagina della storia personale di ognuno di noi che non si cancellerà mai. Una di quelle cose che ti fanno amare un posto speciale come la Scuola. Dove si cresce insieme, dove ognuno mette il suo mattoncino per costruire qualcosa di importante. Ogni tanto fa bene ricordare. Riassaporare certi aromi, certi profumi… Rileggere pagine che restano nel cuore. Per sempre…

Quelle che seguono, furono le righe che accompagnarono la “presentazione” dello spettacolo. Vivere una favola. Davvero.

VIVERE UNA FAVOLA

Sembra il classico modo di dire, legato a qualcosa di… quasi impossibile! Il tipico sogno irraggiungibile, destinato a rimanere desiderio eternamente inappagato. Invece, questa volta, è stato molto più semplice del previsto… vivere la favola.

E’ bastato fare un passo indietro, mettere da parte “vergogne” e “imbarazzi”, scendere per un attimo dal piccolo grande “pulpito” su cui ognuno di noi, in qualche modo si ritrova per le circostanze della vita, annullare le presunte distanze che ci separano dai più piccoli, per ritornare tutti davvero bambini. Che non significa abbandonarsi ad una regressione capricciosa, bensì capacità di riappropriarsi di quello che è dentro ognuno di noi… Di quella parte nascosta (e nemmeno troppo) che c’è in ogni persona che accetta la scommessa di provare a diventare “genitore” e dunque “adulto” e dunque serio punto di riferimento di chi ci cresce accanto.

E così ognuno si è “scelto” il suo personaggio e si è calato nella parte come meglio non avrebbe potuto. Ognuno ha accettato di buon grado di recitare a soggetto e di improvvisare… Se non fosse per i lineamenti, le corporature, il diverso tono della voce che distingue i vari personaggi, forse si farebbe fatica a riconoscere gli adulti dai bambini... Questa è anche la magia del teatro, che annulla tutte le distanze possibili e abbatte ogni barriera… Che permette di porre sullo stesso piano personaggi anche lontanissimi fra loro, ma tutti necessari per dare vita ad una storia senza tempo…

Tra i banchi ordinati della classetta, in piedi sulle seggiole della classaccia, tra maestre, bidelle e direttori, saliamo sulla macchina del tempo per rivivere una delle stagioni più spensierate della vita…Forse c’è ancora tempo per diventare grandi, forse siamo ancora in tempo per ritornare bambini, forse, volendo, possiamo ancora scegliere di … vivere una favola…

DOPO LO SPETTACOLO, COSI NE PARLO’ LA STAMPA…

“Ce ne fossero di iniziative come questa !”. La sintesi migliore della serata è stata quella di Domenico Madera, regista dell’applauditissimo spettacolo “Classetta vs Classaccia”, allestito da insegnanti, alunni e genitori della classe V della Scuola Elementare “Carlo Collodi” di San Sisto. Dopo mesi di prove, tutti hanno potuto finalmente raccogliere il meritato frutto di tanto impegno, ovvero il caldissimo applauso del pubblico che ha riempito lunedì sera il Teatro “Bertold Brecht” di San Sisto. “Complimenti, siete stati davvero bravissimi e non solo per le capacità di recitazione che avete dimostrato, ma soprattutto perché avete portato avanti un progetto che ha un significato importantissimo per tutto il mondo della scuola”. A pronunciare queste parole è stato un entusiasta Massimo Matrigali, Direttore del 1° Circolo Didattico di Perugia, che non è voluto mancare a questo autentico evento.

Lo spettacolo è stato il frutto di quasi cinque mesi di prove, di tante serate passate insieme lasciando da parte impegni, abitudini familiari, problemi anche importanti per lavorare insieme, per creare un gruppo unito e compatto, un gruppo che ha lavorato con passione e umiltà. Un gruppo di genitori che ha deciso di spiegare nel modo migliore ai propri figli cosa significa lavorare con costanza e sacrificio per raggiungere dei risultati: non a parole, ma con i fatti, ovvero con un esempio quanto mai concreto. Gettando così un piccolo seme che si spera possa portare nel tempo i suoi frutti. “Un grazie speciale – hanno detto alla fine in coro i genitori – va ovviamente ad Anna Rita Pennacchi, il vero motore di questa esperienza, che nessuno di noi potrà mai dimenticare”. Si chiude così il quinquennio della Carlo Collodi e si può dire davvero che questo è stato un autentico gran finale !

I PROTAGONISTI DELLO SPETTACOLO

I bambini: Anna Antognarelli, Alessio Barbacci, Giulia Bartoccioni, Cristian Battistoni, Sara Bellini Baldella, Alessandro Bendolini, Renè Bwanika, Federica Catorci, Michele Cecchetti, Riccardo Coppola, Andrea Cruciani, Matilde Fiorucci, David Gigliarelli, Azzurra Lucaroni, Virginia Morarelli, Lorenzo Pisanò, Nicolò Presciutti, Margherita Rossi, Matteo Turriziani, Federico Volpi, Gabriel Valdares.

Gli adulti: Deborah Arcelli, Marcello Barbacci, Anna Battistoni, Simone Battistoni, Andrea Bendolini, Edith Bjuessa, Valeria Cappella, Marusca Carciani, Massimo Catorci, Marco Cruciani, Barbara Ercoli, Sabrina Fagiolini, Sabrina Fiorini, Mauro Fiorucci, Sabrina Fischetto, Daniela Galli, Francesco Gigliarelli, Anastasia Lytvynenko, Barbara Palazzetti, Cinzia Polidori, Filippo Presciutti, Monia Tempesta, Francesco Volpi.

Le maestre: Anna Rita Pennacchi, Dominga Ricci

Il regista: Domenico Madera

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti