Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Marco Cruciani

Marco Cruciani

Pensieri in libertà


Arrivederci e buon anno...

Pubblicato da Marco Cruciani su 31 Dicembre 2014, 13:00pm

Arrivederci e buon anno...

31 dicembre… Che dire, se non che un altro anno è volato, scappato via in un lampo… Che il tempo passa sempre più veloce e che, per questa convenzione temporale, possiamo mettere un punto sui mesi passati. Mesi intensi, ricchi, importanti, emozionanti. Da ricordare per molte cose, nostre, intime, per certe vittorie molto personali, che significano una cosa sola, fondamentale: non si smette mai di crescere, di cambiare, di aggiungere ingredienti… tasselli nuovi o ritrovati, al mosaico della vita. Il 2014 che salutiamo oggi, è stato importante soprattutto per un aspetto. Ci ha permesso di riscoprire, rivalutare, riconsiderare… un valore, un sentimento troppo spesso tradito. Quello dell’amicizia. Se questo anno è stato ricco, intenso, caldo, è anche perché l’abbiamo condiviso con tante persone verso le quali nutriamo un sentimento speciale, che abbiamo imparato a coltivare fin da bambini e nel quale non vogliamo smettere di credere, nonstante tutto. Grazie davvero ai tanti amici che hanno percorso con noi molte strade, spesso quelle del cuore, delle cose che amiamo, che sentiamo più nostre. Per questo è stato tutto molto, molto bello. Certo, non è stato tutto “rose e fiori”. Nel bagaglio delle esperienze, finiscono anche certi sassolini appuntiti, raccolti qua e la, nel corso del viaggio. Quei sassolini fastidiosi che si infilano nelle tue scarpe e a volte sono talmente appuntiti, da lasciarti qualche dolorosa ferita… E’ forse una sorta di prezzo da pagare, di rovescio della medaglia da cui bisogna trarre necessariamente un insegnamento. Noi che abbiamo a che fare con certe faccende informatiche, conosciamo una definizione: “disaster recovery”. Potremmo dire che si tratta di quelle misure, regole, strategie, da utilizzare in caso di emergenza… Ecco, trovarsi a gestire certe situazioni è stata una sorta di lezione che abbiamo vissuto insieme, a livello familiare, e che pensiamo possa essere stata molto educativa. Abbiamo tutti la tendenza a proteggere i nostri figli dal dolore, dalle situazioni in cui si manifesta il peggio degli esseri umani. Ma qualche volta ci si finisce dentro. Ecco, mentre si aprivano certe ferite e dovevamo mettere in atto le strategie del “disaster recovery”, le condividevamo con i nostri ragazzi. Chiedendoci e chiedendogli: tu che ne pensi ? Pensi che sia sbagliato quello che stiamo facendo ? Tu come ti comporteresti ? Certe ferite, ci vorrà ancora un bel po’ per considerarle rimarginate. Forse non spariranno mai. Ma sono state una sorta di dono anche queste. Per crescere, per vedere se si può trovare un fiore nel deserto, per cercare chiavi nuove o per chiudere per sempre certe porte e, la chiave, buttarla più lontano possibile… Mettiamo nello zaino le cose del 2014, pronti a fare un po’ di spazio a quelle che ci porterà il nuovo anno. Con la certezza che, insieme, questo vecchio zainetto, lo renderemo magari più leggero e sicuramente più ricco. Si, insieme. Come sempre. Come dice quella strofa di una vecchia canzone: “La vita non è facile, ma a volte basta un complice, e tutto è già più semplice !”. Se cercate dei complici, noi ci siamo. Se volete essere nostri complici, siete i benvenuti… Magari, davvero, può essere tutto più semplice… Buon 2015 Amici, di cuore….

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti