Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Marco Cruciani

Marco Cruciani

Pensieri in libertà


Sono i play off, bellezza

Pubblicato da Marco Cruciani su 3 Giugno 2014, 14:00pm

Sono i play off, bellezza

Si, sono i play off. Quella cosa che spesso sfugge ai pronostici, regala sorprese, rovescia convinzioni e certezze. E’ quella fase che ha il fascino per certi versi terribile di sconvolgere tutto, lasciare le briciole in mano a chi pensava di possedere un tesoro costruito nei lunghi mesi invernali della regular season o anche solo in una "banale" partita di andata.... Mesi usati per costruire basi tecniche, psicologiche, di tenuta fisica e mentale. E invece in pochi giorni può cambiare tutto. Un infortunio, una serata storta e i sogni vengono rimandati alla stagione successiva. Spesso, certi sogni, sono come treni… Passano poche volte, anche una soltanto. E se stai aspettando nella stazione giusta, quel treno devi prenderlo, senza indugio, anche senza biglietto, in corsa. Perché potrebbe non ripassare. Non ripassare più. O se ripassa è sempre diverso, regala emozioni nuove, lo vivi in un ambiente diverso, con compagni di viaggio che difficilmente sono sempre gli stessi. Magari su quel treno, tanto per dire, puoi esserci salito a Benvento, a Nocera o San Mariano, ma non sarà uguale al treno che stavolta può passare da qui, dall’Evangelisti o dalla stazione di Fontivegge… Sono i play off, bellezza. Quelli in cui l’ottava può eliminare la prima (stagione 2003/2004, l’ottava, la Rpa di Fefè De Giorgi, del giovane Jack Sintini, di Cuminetti, Lebl, Gortzen e di Andrea Giovi, elimina la prima, Trento), quelli in cui vinci lo Scudetto partendo dal quinto posto in regular season (questa è roba solo per gente come Fofao, Zetova, Gioli, Walewska, Francia, Del Core, Arcangeli…). Sono i play off, bellezza. Quelli in cui passi all’Evangelisti e ti senti “un violento ciclone… una forza della natura… devastante…”. Ma i play off, sono i play off. E, la Gecom, quella vera, non era quella vista nella semifinale di andata contro Caserta. E’ quella che in trasferta ti fa capire chi è, di che pasta è fatta e cosa sono i play off. Nessuna certezza. Nessuna illusione. Non ne deve avere, per esempio, nemmeno la Monini Spoleto che sabato sera è passata a Chiusi nella finale dei play off per la promozione in B1. Ha vinto 3 a 0, ma la sfida non è ancora finita. La Gecom insegna, i play off insegnano. Intanto Perugia, compie l’impresa, se la gode quanto basta, lascia che siano le varie testate a scegliere gli eventuali “titoloni” e le iperboli da usare e si concentra sullo spareggio. E adesso che succede ? Sono i play off, bellezza. Tutto può succedere. E c’è un altro detto, caro a Gianni Brera: “Chi fa pronostici, sbaglia pronostici”. Noi non ne facciamo. Lo spareggio è tutto da giocare, tutto può succedere. Caserta ha vinto a Perugia, Perugia si è imposta in Campania. La diamo 50 a 50 ? No. Diamo tre punti in più alla Gecom. 53 Perugia, 47 Caserta. Tre punti in più: il primo guadagnato sul campo, su quello difficile di Caserta, nella prima sfida davvero da dentro o fuori, Perugia ha risposto alla grande, con cinque giocatrici in doppia cifra, dando una spallata alle certezze e forse anche alle illusioni casertane che fosse già tutto finito. E’ una vittoria che pesa soprattutto psicologicamente e che vale il cinquantunesimo punto percentuale. A cinquantadue ci arriviamo con l'assenza di Emanuela Fiore infortunatasi sabato dopo una accidentale caduta che le ha provocato la rottura del crociato e del collaterale: auguri di pronta guarigione alla forte schiacciatrice di origini laziali. Infine, l'ultimo punto ce lo regala il PalaEvangelisti, il fatto di giocare comunque in casa, si spera con una bella cornice, nonostante la concomitanza con la partita della nazionale di calcio. Tra le proprie mura, quelle amiche, quelle che rendono tutto più speciale. Quelle dove hanno vinto le più grandi campionesse della pallavolo. Quelle dove, stavolta, le campionesse, siete voi. E allora, forza ragazze, come sempre… ANDIAMO !!!

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti