Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Marco Cruciani

Marco Cruciani

Pensieri in libertà


L'arte di scegliere

Pubblicato da Marco Cruciani su 13 Marzo 2014, 15:19pm

L'arte di scegliere

Parecchi anni fa lessi un libro di cui non ricordo particolarmente il contenuto. Il titolo però, mi è rimasto sempre impresso nella mente: “L’arte di scegliere”. Deve essere da qualche parte e penso che possa contenere diverse informazioni utili. Devo cercarlo perché può essere utile, soprattutto a chi sta crescendo… In fondo, scegliere, è davvero un’arte. Fare la scelta giusta, proprio per rimanere in tema artistico, è come dipingere un bel quadro o scrivere una bella poesia. E’ l’arte di provare a rendere la vita migliore (o anche solo più semplice), tradotta in gesti concreti. E’ un’arte che, fin da piccoli, spesso “inconsapevolmente”, iniziamo a praticare. Scegliendo di giocare con un amichetto piuttosto che con un altro, scegliendo di passare un pomeriggio a correre dietro ad un pallone nello spiazzo sotto casa piuttosto che sui libri, scegliendo di comprare un pacchetto di figurine in più, mentre potremmo mettere quelle cinquanta lire (bei tempi…) nel salvadanaio che ci hanno regalato, sperando che noi cogliessimo l’aspetto educativo di quel dono… Scelte. Si parte da quelle piccole, automatiche, quotidiane (oggi percorro questa strada invece dell’altra) e ci sia allena per quando arriverà il momento di quelle importanti. La scuola superiore, un’occasione di lavoro, un amore… E’ la vita che ci chiede di prendere pennelli e tavolozze, per dedicarci all’arte di scegliere. Ma scegliere, spesso, non è come tagliare una fetta di dolce e, dopo averlo assaporato, stabilire se è di nostro gradimento o meno. Scegliere… è vivere le conseguenze delle nostre scelte e, tempo dopo, rendersi conto se siamo saliti sul treno giusto o su quello sbagliato. Il manuale delle istruzioni, in fatto di “grandi scelte”, aiuta, ma non può scegliere per noi. Leggendolo scopriamo di dover mettere sul piatto della bilancia, vantaggi e svantaggi, costi e benefici: per se e per chi fa parte della “nostra squadra”. Per questo, a volte, le scelte non sono solo un fatto personale. Spesso quello che è meglio per me, per le mie ambizioni, per la mia realizzazione personale, può non essere il meglio per chi vive accanto a me. Che può avere tutto un altro tipo di esigenze o aspirazioni. E allora scegliere non è solo far di conto col pallottoliere davanti, ma diventa anzi “farsi un po’ da parte” e mettere sul piatto delle cose buone, anche quello che non pensavamo fosse importante o prioritario... Che lavoro, scegliere ! Poi a volte ci si mette il tempo: devi scegliere in fretta, perché quel treno sta passando ora, per alcune ore, giorni al massimo. Non ti lascia il tempo di “pensarle tutte”. E allora, oltre a quelli della razionalità, del “senso del bene comune”, devi aprire i cassetti dell’istinto, dell’intuito, del doverti fidare delle tue sensazioni. La scelta diventa così un fatto di testa, di pancia e… di cuore. Per questo, finisci per metterci tutto, ma proprio tutto te stesso, nelle scelte che fai. Tu e le tue scelte, diventate una cosa sola. Magari da lì in poi, diventerete perfino qualcosa di nuovo, di migliore, di mai visto prima. Scegliere non è sempre facile. Forse non lo è quasi mai. Scegliere ci lascia sempre un granello di paura… incastrato nei nostri ingranaggi. Per questo sarebbe bello se ogni tanto qualcuno ci dicesse: vai, sono sicuro che stai facendo la cosa giusta, andrà tutto bene. Una fiammella che portasse un po’ di luce nell’oscurità del tunnel. Se capita, è una rarità… Perfino il silenzio è una rarità, che sarebbe comunque già meglio di chi parla e giudica le tue scelte senza neanche aver provato a mettersi per un attimo nei tuoi panni…. Ma tant’è. Anche questo fa parte del gioco. E non conta nemmeno il numero delle persone che soffiano contro le tue vele: conta solo la forza con cui tu sei capace di difenderle e andare fin dove hai deciso, con la tua barca. Scriviamo il libro della nostra vita con le nostre scelte; di tanto in tanto, rileggendone le pagine, ci accorgiamo delle cose buone e degli errori che queste hanno comportato. Spesso sprechiamo tempo a crogiolarci nel brodo delle nostre imprese o ci abbattiamo per gli sbagli commessi. Dobbiamo vedere tutto nella giusta prospettiva: quello è il bagaglio di esperienza che ci ha portato fin lì e che ci aiuterà nelle prossime scelte. La cosa più importante, quella di cui spesso nemmeno ci accorgiamo, è che abbiamo avuto… la fortuna di poter scegliere. Già, proprio la fortuna. Non è poco. Per questo, forse, siamo stati, o siamo, molto più fortunati di quanto immaginiamo…

Commenta il post

Archivi blog

Post recenti